Ambasciatore italiano a Madrid: “In Italia porte aperte a turisti spagnoli”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
spagna

L’ambasciatore d’Italia a Madrid, Riccardo Guariglia, aprendo il webinar organizzato dall’Enit nel contesto delle iniziative realizzate dal Sistema Italia in Spagna, a sostegno della ripresa dei flussi turistici verso l’Italia, ha dichiarato: “All’insegna di trasparenza e sicurezza, in Italia sono aperte le porte ai turisti spagnoli. Tra i Paesi europei, Spagna e Italia sono quelli che per primi in occidente sono stati colpiti dalla crisi sanitaria. La nostra risposta, pur con le difficoltà e le sofferenze affrontate, è stato un esempio per l’Europa e per il resto del mondo. Italia e Spagna condividono ora un interesse vitale nell’assicurare una ripresa rapida e ordinata dei flussi turistici europei e internazionali. Per questo, i nostri governi sono stati impegnati ai massimi livelli con la Commissione europea per assicurare una riapertura dei confini interni all’Ue che evitasse discriminazioni. E così è stato”, ha detto il diplomatico nel corso del suo intervento, cui hanno aderito 12 regioni (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Trentino Alto Adige e Veneto) ed hanno partecipato un centinaio tra tour operator, agenzie di viaggio, associazioni di settore, operatori e stampa specializzata. “La riapertura ai turisti, locali e stranieri – ha aggiunto Guariglia – è avvenuta nei nostri Paesi grazie anche alla capacità di produrre e condividere dati oggettivi e trasparenti. Da parte italiana abbiamo pubblicato le linee guida per la riapertura delle attività turistiche, che abbiamo diffuso alle Autorità e agli operatori spagnoli per far sapere che gli standard di sicurezza che abbiamo adottato sono i più alti. Siamo inoltre impegnati per condividere dati trasparenti e aggiornati sull’andamento dei contagi in tutto il territorio italiano”. Guariglia ha inoltre ricordato come un messaggio di comune impegno a sostegno del settore turistico sia stato ribadito anche dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e dal Presidente del Governo Spagnolo Pedro Sánchez che, in occasione della visita di Conte a Madrid l’8 luglio, hanno voluto incontrarsi in uno dei luoghi più emblematici del turismo in Spagna, il Museo Reína Sofia, di fronte al celebre Guernica di Picasso. Lo stesso diplomatico era stato, il 6 giugno 2020, il primo “turista” straniero a visitare i Musei Reína Sofia e Prado, il giorno della loro riapertura dopo la chiusura dovuta alla pandemia: “Il primo visitatore straniero – ha sottolineato l’Ambasciatore – non poteva che essere italiano”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Virginia Raggi, dopo il servizio de Le Iene che denunciavano

Martina Corgnati ospite a Tarquinia l’11 giugno: la nota storica

Dalle strutture di residenza – le APSP – ai familiari,

“Perché non introdurre un Daspo anche per i social network?”.

La manifestazione del 5 ottobre, dovrà diventare anche un atto

Con l’adozione del decreto sull’attività enoturistica, finalmente si dà attuazione

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.