HomeanimaliAssoavi e Animal Equality incontrano una delle aziende che sta sviluppando la...

Assoavi e Animal Equality incontrano una delle aziende che sta sviluppando la tecnologia “in-ovo sexing”

Assoavi e Animal Equality incontrano una delle aziende che sta sviluppando la tecnologia “in-ovo sexing” per migliorare il benessere animale nell’allevamento del pollame in Italia e in Europa

Con la partecipazione dell’azienda tedesca Agri Advanced Technologies, Assoavi e Animal Equality dialogano sull’uso della tecnologia “in-ovo sexing” e assistono alla presentazione della prima demo del macchinario che ne fa uso in Italia.

Forlì –  Nella giornata di lunedì Assoavi e Animal Equality hanno incontrato Agri Advanced Technologies (AAT), una delle aziende che sta implementando le macchine che sfruttano la tecnologia “in-ovo sexing”, ora attiva anche sul territorio italiano.  All’incontro, l’associazione di categoria dei produttori di uova italiana Assoavi ha spiegato il percorso intrapreso con Animal Equality per studiare e introdurre l’in-ovo sexing in Italia, mentre Jorg Hurin e Laura Zumbrink di AAT, hanno illustrato le caratteristiche di questa tecnologia e il lavoro svolto in Europa e in Italia per attuarla impattando positivamente sui pulcini maschi nell’industria delle uova. Dopo l’impegno pubblico preso a dicembre e rinnovato nel marzo scorso infatti, Assoavi sta supportando la sperimentazione della tecnologia AAT anche in Italia, come già fatto da altri produttori in diversi paesi, tra cui la Francia.

Anche il Ministero della Salute, con cui Assoavi e Animal Equality hanno avviato una interlocuzione e svolto un primo incontro a marzo, nella medesima occasione si era espresso in modo favorevole circa l’utilizzo della tecnologia in-ovo sexing. Le inchieste pubblicate da Animal Equality e da molte altre organizzazioni per la protezione degli animali mostrano che i pulcini maschi che non trovano collocazione nelle filiere di accrescimento vengono eliminati appena nati. Consapevoli di questa situazione, anche i produttori di uova italiani, come molti ormai in Germania, Francia e Olanda, hanno deciso di voler introdurre la soluzione attualmente esistente anche sul mercato italiano.

Articoli popolari

Banner 300 x 600