Coronavirus, la Danimarca riapre le scuole ma i genitori hanno paura

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
EVQDaokUEAIrq0I

Ad essere poco convinti dalla decisione dell’esecutivo sono soprattutto quei genitori i cui figli soffrono di patologie quali asma e diabete.

Il governo danese nelle scorse ore ha annunciato la riapertura di scuole e negozi in tutto il Paese, al termine di un mese di lockdown.

La misura, però, è destinata a far discutere con i genitori che sembrano essere sul piede di guerra per un allentamento delle restrizioni arrivato forse troppo presto.

Su Facebook, come riporta l’Indipendent, sono già tante le mamme e i papà ad esternare le proprie paure e ad esprimere il malcontento per quella che a molti appare una decisione volta a trattare le giovani generazioni come cavie da laboratorio.

In questo senso, non sono rari i gruppi di discussione, con titoli che alle volte non lasciano ben pochi dubbi (uno di essi è stato chiamato “Mio figlio non è un maialino di Guinea”).

Complessivamente, da questa settimana sono circa 650.000 i bambini che ritorneranno dietro i banchi di scuola, mentre le università rimarranno chiuse così come chiese, cinema e centri commerciali.

L’11 marzo scorso la Danimarca è diventata il secondo Paese europeo ad imporre un lockdown totale al fine di contenere la diffusione del Covid-19.

Ad oggi, il bilancio ufficiale riporta circa 6,600 contagi e 299 vittime, ma il tasso di incidenza del nuovo agente patogeno decisamente più basso rispetto a quello dell’Europa centrale e meridionale.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Scintille ieri sera in diretta a Piazzapulita. Al centro di

Necessario un adeguato piano di rifornimento. All’inizio erano le mascherine,

“Il nostro compito è preparare le riaperture e non annunciarle

saviano

La petizione online contro la revoca della cittadinanza onoraria di

Nicola Zingaretti rispolvera i temi nel cassetto, dopo il sospiro

Oltre allo sciopero della fame (di nuovo), ora arriva a

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.