HomesaluteCovid-19, è allarme per il "fungo nero" tra i guariti

Covid-19, è allarme per il “fungo nero” tra i guariti

Se la pandemia da Covid-19 è tutt’altro che finita, dall’India arriva un nuovo allarme

COVID-19: L’epidemia di mucormicosi con alto tasso di mortalità e rischio di mutilazioni ai pazienti sopravvissuti. E due ricercatori cinesi avvertono su Science in merito ai primi casi umani di influenza aviaria. Ecco cosa sta succedendo.
Cos’è il “fungo nero

La situazione in India è sempre più drammatica: oltre alla seconda ondata di coronavirus che continua ad infuriare (259.551 nuovi casi e 4209 decessi nelle ultime 24 ore), tra i pazienti affetti da Covid-19 è stato rilevato il cosiddetto fungo nero. La mucormicosi, causata dall’esposizione a un gruppo di muffe chiamate mucormiceti, è contraddistinta da un alto tasso di mortalità e dal rischio di provocare mutilazioni ai pazienti sopravvissuti. In poche parole, può attaccare attraverso le vie respiratorie, potenzialmente erodendo le strutture facciali e danneggiando il cervello“. “Questa è un’altra sfida per il paese”, ha detto il primo ministro Narendra Modi.

Il governo si appresta dunque a dichiarare l’epidemia. Al momento, sono stati confermati circa 5000 casi identificati tra i pazienti con Covid-19 in tutto il paese, ma la cifra potrebbe essere molto più alta, visto che solo pochi governi statali hanno segnalato casi alle autorità sanitarie.

Lo stato del Maharashtra ha registrato 1500 casi di mucormicosi e 90 decessi, mentre altri casi sono stati segnalati a Nuova Delhi, Karnataka, Haryana, e negli stati del Madhya Pradesh e del Rajasthan. Il ministero della Salute federale ha quindi esortato gli stati a dichiarare la malattia un’epidemia ai sensi della legge, rendendo obbligatorio per gli ospedali riportare i casi alle autorità federali.

Articoli popolari

Banner 300 x 600