COVID, CODACONS DIFFIDA ISS, MINISTERO DELLA SALUTE E ASL

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
covid6

COVID, CODACONS DIFFIDA ISS, MINISTERO DELLA SALUTE E ASL: FORNIRE DATI E INFORMAZIONI SU CAUSE DEI DECESSI DI PAZIENTI CON COVID. TROPPA CONFUSIONE TRA MORTI PER COVID E MORTI CON COVID RISCHIA DI ALTERARE DECISIONI DEL GOVERNO CON RIPERCUSSIONI PER COLLETTIVITA’

 

Sul numero dei decessi legati al Covid e sulle cause che hanno determinato la morte degli italiani da inizio pandemia ad oggi il Codacons ha presentato una diffida e una istanza d’accesso all’Istituto Superiore di Sanità, al Ministero della Salute e alle Asl di tutta Italia, chiedendo di ottenere una serie di documenti finalizzati a chiarire alcuni aspetti su cui ancora oggi manca trasparenza. La corretta qualificazione dei decessi si ripercuote direttamente sulla gestione della pandemia e soprattutto sulle restrizioni imposte ai cittadini – scrive il Codacons – Laddove il numero dei decessi non fossero correttamente qualificati, con l’apposita distinzione “per Covid” e  “con Covid” e laddove i casi dubbi fossero qualificati come casi di morte “per Covid”, il quadro sanitario e le conseguenti inevitabili restrizioni adottate ovvero da adottarsi al fine di limitare il pericolo del dilagare dei contagi, potrebbero avere delle gravi ripercussioni sul piano socio-economico.

La maggior parte dei decessi avvenuti in Italia dal febbraio 2020 ad oggi sono classificati come “morti Covid” senza specificare se si tratta di persone venute a mancare per/con Covid. Domanda a cui oggi non si può dare una risposta certa dal momento in cui non v’è mai stata chiarezza da parte delle unità sanitarie preposte sull’effettiva causa dei decessi dei pazienti.In un simile contesto, è di assoluta necessità che vi sia trasparenza nella comunicazione dei dati, soprattutto per i cittadini e i titolari di attività commerciali che in virtù dei medesimi dati sono costretti a subire le restrizioni imposte dal Governo. Per tale motivo il Codacons ha diffidato Iss, Ministero e Asl di tutta Italia a voler specificare e fornire i dati in merito ai decessi classificati “per Covid” e “con Covid”, con la massima chiarezza, e ha presentato istanza d’accesso per ottenere copia di tutti gli atti e /o documenti relativi ai dati recanti il numero di decessi Covid con la distinzione specifica “con Covid” e “per Covid”, in possesso delle intestate Autorità dall’inizio della pandemia ad oggi, e gli atti relativi al numero di cartelle cliniche e certificati di morte delle persone decedute a causa del Covid, siano esse “decedute per Covid” ovvero “decedute con Covid” dall’inizio pandemia ad oggi.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Domenica 11 – Villa Mimbelli – ore 18 00 Identità

I dazi Usa all’Ue per 7,5 miliardi di dollari rappresentano

Dal 13 al 19 febbraio un viaggio-esperienza, ripercorrendo la storia

Questa mattina una delegazione del movimento giovanile torinese di Forza

Il #ComuneMilano mette in campo misure di sostegno al reddito

marcozzi

Nei giorni scorsi siamo stati in Consiglio Regionale per lavorare

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.