Crisi, Renault taglia 15mila posti nel mondo: 4600 in Francia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
renault

La casa automobilistica francese Renault annuncia il taglio di 15.000 posti a livello mondiale, di cui 4.600 in Francia. I licenziamenti avvengono nel quadro di un piano triennale di risparmi da 2 miliardi di euro. “Questo progetto è vitale” commenta il direttore finanziario Clotilde Delbos, in una nota. La società che soffre di sovrapproduzione a livello mondiale a causa della crisi innescata dal coronavirus, lo scorso febbraio aveva annunciato le sue prime perdite da 10 anni a questa parte. ‘Le difficoltà incontrate dal gruppo, la grande crisi attraversata del settore automotive e l’urgenza della transizione ecologica sono gli imperativi che inducono la società ad accelerare la sua trasformazion” indica un comunicato. Il piano prevede ‘un miglioramento dell’efficienza e una riduzione dei costi di impiantistica per circa 800 milioni di euro, “l”ottimizzazione della produzione” con risparmi per circa 650 milioni con una revisione della capacità di produzione globale da 4 milioni di veicoli nel 2019 a 3,3 milioni nel 2024, una ‘maggiore efficienza delle funzioni di supporto” per 700 milioni. Il costo stimato per la realizzazione del piano è di 1,2 miliardi di euro, precisa il gruppo. ‘In un contesto fatto di incertezze e complessità, questo progetto è vitale per garantire una performance solida e duratura, sottolinea la ceo ad interim, Clotilde Delbos, citata nel comunicato. –

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

scotto

Riguardo all’attualità politica e alle restrizioni imposte dal nuovo Dpcm,

“Quella di oggi è una giornata importante per riprendere una

Nel campo del turismo il mese di gennaio 2021 registra

Raffaele Cantone è il nuovo procuratore di Perugia. Lo ha

lavoro

L’Italia ha già perso circa 200mila occupati rispetto al 2019

Quasi ad un anno dalla prima deliberazione parlamentare riguardante la

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.