HomeattualitàDe Luca: "Vacciniamoci tutti altrimenti la ricreazione finisce"

De Luca: “Vacciniamoci tutti altrimenti la ricreazione finisce”

“Dobbiamo vaccinarci tutti”. Lo ribadisce il governatore della Campania, Vincenzo De Luca

“C’è stato un rallentamento nella campagna di vaccinazione a causa della confusione creata del Governo” spiega De Luca, confermando che “da lunedì la Campania sarà zona bianca”. Ma avverte: “Se non ci vacciniamo tutti questa ricreazione che si sta vivendo rischia di essere interrotta tra fine settembre e inizio ottobre”. In Campania resterà obbligo mascherina all’aperto “Credo che manterremo in Campania l’obbligo della mascherina all’aperto, anche d’estate”, annuncia il presidente della Regione Vincenzo De Luca in diretta Fb: “E’ evidente che a casa, al mare e al ristorante se ne fa a meno, ma con il numero di positivi che abbiamo ancora oggi non possiamo permetterci di correre rischi”, sottolinea.

“Da lunedì anche la Campania in zona bianca Da lunedì anche la Campania è zona bianca”, ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, nel corso di una diretta Facebook. De Luca ha invitato la cittadinanza a vaccinarsi “perché tutta questa allegria che abbiamo per le riaperture, tutta questa ricreazione rischia di essere interrotta fra fine settembre e inizio ottobre. Non credo che avremo la stessa situazione che c’è stata dopo la scorsa estate, perché bene o male sono state somministrate milioni di dosi di vaccino, ma ancora una volta dobbiamo far funzionare la ragione”.

Secondo De Luca “non avremo un’emergenza di quelle dimensioni, ma rischiamo di avere nuovi contagi e nuova emergenza, perché tra il 15 e il 20% degli italiani non si è vaccinato per propria scelta, perché avremo l’apertura dell’anno scolastico con tutti gli studenti in presenza e per la presenza di varianti Covid”. La confusione creata da Governo rallenta la campagna vaccinale “La confusione determinata dal governo nazionale ha prodotto il rallentamento della campagna di vaccinazione. Un rallentamento dovuto alla confusione e all’incompetenza che viene da Roma“.

Così il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel corso della diretta Facebook del venerdì. Il ‘governatore’ torna sulla querelle dei giorni scorsi in merito al cosiddetto mix vaccinale. “Quando la Campania ha fatto quella richiesta di chiarimento al ministero sulla somministrazione di vaccini diversi – ricorda – tutti hanno fatto finta di non capire, tutti hanno distinto le posizioni dalla Campania. Poi ho visto che nelle ultime ore tutti quanti stanno ponendo al ministero le stesse domande che abbiamo posto noi. La verità è che non abbiamo raggiunto l’immunità di gregge rispetto al vaccino, ma abbiamo raggiunto sicuramente l’immunità di gregge rispetto alla ragione, perché la quantità di pecoroni che abbiamo nel nostro Paese è sconvolgente”.

De Luca parla di una “bolla mediatica”, che impedisce di avanzare rilievi critici. “Quello che è avvenuto fino a una settimana fa per il commissario straordinario è semplicemente ridicolo – argomenta – eravamo a un passo dalla beatificazione, pur sapendo tutti quanti che quando si dice che abbiamo raggiunto 500mila dosi di vaccino, l’unico che non c’entra niente è il commissario straordinario, perché quello è tutto ed esclusivamente il lavoro delle Regioni”, Anzi, aggiunge, “il ruolo del commissario a mio avviso continua a essere negativo.

In Campania – spiega – le dosi di Pfizer arrivano nella giornata di mercoledì, fra le 14 e le 17, cioè noi cominciamo a perdere i primi tre giorni della settimana. Non credo che sia inevitabile”. Mi fido di Galli, ok vaccino eterologo “Rispetto al doppio vaccino, il vaccino eterologo, personalmente mi fido di Massimo Galli che conferma che non ci sono problemi particolari per fare la seconda dose con un vaccino diverso da AstraZeneca. Quindi io direi decisamente di procedere in questa direzione”, ha detto il Presidente della Campania Vincenzo De Luca nel corso del suo consueto appuntamento social del venerdì pomeriggio per fare il punto sull’emergenza Covid.

giornalista per un giorno

Articoli popolari