Energia pulita da eolico galleggiante: ora si può

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
eolico

Sfruttare l’energia eolica con impianti collocati in mare, su piattaforme galleggianti

Il Ministero della Transizione Ecologica apre la manifestazione di interesse per l’innovativa tecnologia rivolgendosi a tutti gli imprenditori del settore. Un’azione strategica finalizzata al raggiungimento degli obiettivi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili stabiliti in ambito internazionale ed euro-unitario.

In tale quadro, anche in considerazione della situazione orografica e di utilizzo del territorio italiano, un importante ruolo potrà essere asinanziamenti pubblici previsti, che necessita di una particolare attenzione ai fini del superamento dei plurimi problemi legati alla fase progettuale e al successivo percorso autorizzativo, al fine di consentire l’introduzione più rapida possibile di questa tipologia di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, che potrebbe assicurare un’ampia quota dell’obiettivo perseguito.

A tale fine il ministero della Transizione Ecologica formula e rende pubblica, mediante l’inserimento sul proprio sito, la richiesta di manifestazione d’interesse, rivolta a tutti i soggetti imprenditoriali che siano in grado di proporre progetti rientranti nella tipologia indicata. Decorsi 20 giorni dalla predetta pubblicazione, il Ministero raccoglierà le proposte che perverranno ai fini della istituzione di tavoli di condivisione tecnica e di supporto tecnico- amministrativo per la valutazione, approvazione e realizzazione di ciascun singolo progetto.

Si chiede contestualmente a ogni soggetto singolo o collettivo di rilievo nazionale, interessato alla conoscenza e alla valutazione dei profili ambientali e produttivi riferiti all’insediamento dei predetti impianti, di manifestare il proprio interesse a partecipare ai predetti tavoli, ai fini della massima trasparenza e partecipazione, oltreché celerità, delle procedure in esame.

Sarà cura del Ministero proporre la composizione di ciascun tavolo di lavoro e organizzare il relativo funzionamento, avendo quali parametri principali di riferimento la minimizzazione degli impatti ambientali, la celerità della realizzazione e il dimensionamento ottimale di ciascun progetto sotto il profilo della produzione energetica. Qualora i medesimi progetti siano ammessi a misure di finanziamento nazionali e dell’Unione Europea, l’attività di supporto potrà estendersi agli adempimenti di carattere tecnico e amministrativo connessi.

Fonte: Ministero della Transizione ecologica

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Ormai siamo alle solite, un copione già visto. Quando il

Il dittatore della Corea del Nord Kim Jong-Un, in una

“Abbiamo un rapporto malato con il denaro” esclama don Ambarus

Sanremo: Athos Careghi e Agostino Longo sono i vincitori delle

Confermato nel decreto milleproroghe 2021 la proroga del blocco degli

La Superlega è nata. Come funzionerà il nuovo torneo? Quanto

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.