Federconsumatori pronta ad avviare azioni collettive per i rimborsi della fatturazione a 28 giorni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
telefonia

Il Consiglio di Stato si è pronunciato nei giorni scorsi sul ricorso presentato da Vodafone contro AGCom in merito all’automatismo dei rimborsi per gli utenti coinvolti dalla fatturazione a 4 settimane. La annosa vicenda delle bollette telefoniche a 28 giorni si trascina da tempo e in quest’ultimo pronunciamento Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso del gestore, ritenendo quindi valido il criterio automatico per la restituzione dei giorni illegittimamente erosi già stabilito dall’Autorità nel 2018. Federconsumatori ha sempre sostenuto con forza la fondatezza di tale criterio, opponendosi alla presentazione di qualsiasi richiesta e proprio per questo ha formalmente diffidato Fastweb, TIM, Vodafone e WindTre ad interrompere le condotte finalizzate ad ostacolare l’automatismo dei rimborsi.

Federconsumatori si è sempre opposta fermamente a prassi di richiesta dei rimborsi da parte degli utenti e dopo aver inviato formale diffida a Fastweb, TIM, Vodafone e WindTre ad interrompere le condotte finalizzate ad ostacolare l’automatismo dei rimborsi. Considerando che i gestori non hanno fornito alcun riscontro, Federconsumatori si appresta ad avviare azioni legali collettive per consentire ai cittadini coinvolti gli indennizzi automatici.

Per maggiori informazioni e per ricevere assistenza è possibile contattare le sedi Federconsumatori presenti su tutto il territorio nazionale.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

“QUELLO CHE ENI NON DICE”, MERCOLEDÌ 13 MAGGIO ALLE 11

E l’ha fatto rispondendo nel modo più bello possibile: “L’Italia

Il patto di governo PD-M5S prevede, sin dal settembre dello

ponte

Sul quale tutti conoscono la mia posizione: sono da sempre

Siluro di Biden contro MBS per giustificare il reset con

Chi ama l’Italia e le aree interne non può non

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.