Homecultura e spettacoloFigure oltre il presente: Mario Bortolotto

Figure oltre il presente: Mario Bortolotto

TEATRO VERDI PORDENONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

presentano la prima edizione del progetto

 Figure oltre il presente: Mario Bortolotto 

DA DOMANI, MERCOLEDÌ 3, FINO A MARTEDÌ 9 NOVEMBRE, IN PROGRAMMA GLI APPUNTAMENTI ONLINE “DIALOGHI SU MARIO BORTOLOTTO

PORDENONE- Battute iniziali per il progetto pluriennale “Figure oltre il presente“, che il Teatro Verdi di Pordenone lancia da quest’anno, con il partner Università̀ degli Studi di Udine, per promuovere la divulgazione culturale della musica d’arte. Una prima edizione che racconta e approfondisce una figura internazionale di primo piano, Mario Bortolotto, nato a Pordenone nel 1927, dove ha iniziato propri studi musicali con Pia Baschiera Tallon. Bortolotto è stato senza dubbio uno dei rappresentanti maggiormente significativi della musicologia italiana ed europea del secondo dopoguerra.

Saranno riuniti a Pordenone alcuni tra i maggiori musicologi del panorama nazionale ed internazionale, docenti, storici della musica, giornalisti, critici e musicisti per attualizzare la rilevanza di un personaggio così straordinario, riconoscendogli l’attenzione che merita nella propria città di origine. Da mercoledì 10 a giovedì 12 novembre spazio al programma dal vivo, con il Convegno di studi “Per Mario Bortolotto” e sei concerti con interpreti d’eccezione (il Quartetto d’archi della Scala, i pianisti Emanuele Arciuli, Emanuele Torquati, Mariangela Vacatello, Pietro De Maria, Alfonso Alberti, il soprano Maria Radoeva).

Ma già da domani, mercoledì 3 novembre, in programma online i “Dialoghi su Mario Bortolotto“, cinque appuntamenti da remoto, tutti in programma alle 18.00, dove altrettanti musicologi raccontano in 30 minuti i testi più celebri di Bortolotto. Primo appuntamento con Jacopo Pellegrini, dell’Università di Roma, che ricorderà la figura del Professore attraverso Il viandante musicale. Il 4 novembreFrancesco Verona dialoga con Daniela Goldin su Wagner l’oscuro, titolo del volume che rappresentò per Bortolotto una delle sfide più ardue e insieme avvincenti. 

Il giorno successivo Lina Zhivova, dell’Università di Udine, e Roberto Calabretto ripercorrono insieme il volume Est dell’OrienteLunedì 8 novembre sarà la volta di Luca Cossettini in dialogo con Paola Cossu su Fase seconda, a oggi un volume fondamentale per comprendere la complessità di una stagione caratterizzata dalla Nuova Musica. A chiudere il ciclo, martedì 9 novembre, Roberto Calabretto dialogherà con Maurizio Baglini sul testo Chopin o del timbro.

L’ingresso al convegno e ai concerti è gratuito. Biglietti disponibili online o alla Biglietteria del Teatro. Tutto il programma su www.teatroverdipordenone.it

giornalista per un giorno

Articoli popolari