“Firmato il decreto per la prevenzione e la cura della ludopatia”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
slot

La ludopatia è una dipendenza pericolosa che colpisce anche i più giovani

Il primo passo è riconoscerla ma poi è necessario intervenire: per questo ho firmato oggi un decreto per l’adozione di un regolamento nazionale per la prevenzione, la cura e la riabilitazione delle persone affette dal gioco d‘azzardo patologico“. Lo annuncia su Fb il ministro della Salute, Roberto Speranza. Come previsto dal decreto, le Regioni provvederanno a dare attuazione a tali linee d’azione attraverso misure che favoriscano l’integrazione tra i servizi pubblici e le strutture private accreditate, gli enti del Terzo settore e le associazioni di auto-aiuto della rete territoriale locale.

Il Disturbo da gioco d’azzardo (DGA) è una patologia che produce effetti sulle relazioni sociali o sulla salute seriamente invalidanti.

Può assumere la connotazione di un vero e proprio disturbo psichiatrico ed è a tutti gli effetti una dipendenza patologica. Secondo il precedente DSM-IV (manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali), la prevalenza tra la popolazione adulta varia dall’1 al 3% della popolazione, con una maggiore diffusione tra familiari e parenti di giocatori.

L’Istituto Superiore di Sanità stima che in Italia l’azzardo è un’attività che coinvolge una popolazione di circa 5,2 milioni ‘abitudinari’ di cui circa 1,2 milioni sono considerati problematici, ovvero con dipendenza. –

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

“La mancata autorizzazione all’utilizzo del chlorpyrifos-methyl, al momento l’unico rimedio

Importante segnale di attenzione del Parlamento che ha compreso quanto

COERENTEMENTE CON QUANTO DETTO IN QUESTI MESI”. “Attese da tempo,

I beneficiari del reddito di cittadinanza sono obbligati a svolgere

”Rischio collasso per le cooperative sociali della Toscana”, questo è

Pur essendo ben consapevoli che il recupero della situazione economica

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.