Giustizia: Calderoli, ha bisogno di tempi certi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
giustizia

La giustizia italiana ha bisogno di tempi certi e di una ragionevole durata, come previsto dalla Costituzione, mentre oggi è il doppio di quella dei Paesi europei.

Io penso non sia solo una questione di carenza di organico ma anche di qualità: volgiamo dei magistrati competenti, preparati e, soprattutto, imparziali e indipendenti. Lo ha detto all’ANSA il senatore Roberto Calderoli (Lega Salvini), a Trento per promuovere la raccolta firme per il referendum sulla riforma della giustizia e per incontrare il presidente della Provincia di Trento Maurizio Fugatti in vista dell’incarico all’interno della Commissione dei didici e della Commissione paritetica per le norme di attuazione dello Statuto speciale (Commissione dei dodici) e della Commissione speciale per le norme di attuazione riferite alle materie di competenza della Provincia di Bolzano (Commissione dei sei).

“Il nostro referendum punta a chiedere che il giudice non venga giudicato solo dai magistrati, ma anche da avvocati e professori universitari e che il Csm sia composto da persone indipendenti dalle correnti, oltre al contenimento dell’uso abnorme della custodia cautelare e all’abolizione del decreto Severino per quanto riguarda gli amministratori locali”, ha aggiunto Calderoli.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Presto i lavori per le isole ecologiche interrate BELLUNO –

Forte del titolo di campione d’inverno appena conquistato in campionato,

ROMA – Il patto degli italiani col cibo è probabilmente

meloni

Intergruppo o federazione, queste le opzioni che oggi i due

Sono 5 mila in Lombardia e 40 mila in Italia

Nel capoluogo umbro la prima iniziativa del coordinamento donne della

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.