IMPROCEDIBILITA’ O PRESCRIZIONE: CHIAMATELA COME VOLETE, LA SOSTANZA NON CAMBIA

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
giust

La riforma della giustizia che porta la firma della guardasigilli Cartabia approderà in parlamento il 23 luglio

Ma da quando il testo è uscito pochi giorni fa dal Consiglio dei Ministri è un susseguirsi di critiche da parte soprattutto degli addetti ai lavori. Non parliamo solo di singoli magistrati o illustri ex pubblici ministeri che hanno a titolo personale espresso perplessità piuttosto puntuali su alcuni aspetti della riforma, ma dei magistrati che ogni giorno sono in prima linea nelle aule dei tribunali, e conoscono bene tempi e modi della giustizia italiana.

Nelle chat degli iscritti all’Associazione nazionale magistrati è un susseguirsi di allarmi e oggi un’indagine del Sole 24 ore su dai del ministero della Giustizia, tracciano la classifica dei distretti di corte d’appello in cui si rischia l’improcedibilità: in 10 su 29 la durata dei procedimenti penali supera i due anni posti come limite dalla riforma per consentire la celebrazione dell’appello.

Ciò significa che circa 190 mila procedimenti rischiano di finire al macero. Stiamo parlando del 75% di tutte le pendenze. La riforma indica anche interventi che vanno dall’ampliamento dell’organico con 16.500 addetti all’ufficio del processo che saranno destinati a quegli uffici con un carico di processi pendenti particolarmente elevato, 550 addetti alle cancellerie solo tra Roma e Napoli, dove arriveranno anche 80 magistrati in più. Inoltre, affermano i sostenitori della riforma, la nuova disciplina dell’improcedibilità si applicherà solo alle impugnazioni che hanno per oggetto reati commessi dal 1 gennaio 2020 mentre altri correttivi mirano a ridurre il perimetro dei procedimenti destinati ad approdare a dibattimento potenziando il ricorso ai riti alternativi.

Resta il forte timore che l’improcedibilità blocchi i processi e come ha detto l’ex presidente dell’Anm Albamonte, “che si chiami improcedibilità o prescrizione, il risultato è lo stesso”. Il risultato è una amnistia generalizzata che rischia di vanificare il lavoro decennale di tanti magistrati ed eroi delle forze dell’ordine.

Mauro Coltorti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Coldiretti Marche: “Riaprire la ristorazione sempre con seri e precisi

spirli

Le nuove limitazioni riguardano Bisignano, Cariati e Samo. Disposta la

sardine

Napoli – E’ stata disfatta totale ieri per le sardine

orfini

“Il Pd deve uscire dal lockdown politico. Dobbiamo uscire dalla

Da oggi, chi delocalizza dovrà restituire i contributi regionali erogati.

“Allora più che Alba sei un tramonto”. A rivolgersi così

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.