Non bastava l’inchiesta sulla fornitura da 15 milioni di mascherine chirurgiche di origine cinese alla Protezione civile

Ora Irene Pivetti, la più giovane presidente della Camera della storia italiana, finisce di nuovo nella bufera per evasione fiscale e auto-riciclaggio insieme ad altre sei persone tra cui l’ex pilota marchigiano Leonardo detto “Leo” Isolani. La procura di Milano, che ha delegato le indagini ai finanzieri, infatti, ha scoperto un fiume di denaro partito da Hong Kong e circolato tra conti esteri che non sarebbe mai stato dichiarato al fisco italiano.

Al centro delle indagini l’acquisto, da parte di una compagnia di investimenti cinese, della scuderia di Leo Isolani. Ora, con l’avviso di conclusione delle indagini preliminari, il pm ha disposto un sequestro da 4 milioni di euro per Pivetti e per il suo consulente che l’avrebbe aiutata in questo complicato (ma vantaggioso) giro d’affari.