Istat, Rizzotti (Fi): Governo intervenga su lavoro o crisi irreversibile

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
rizzotti

“Secondo i dati sul lavoro diffusi oggi dall’ Istat, da febbraio ci sono – 500mila occupati e i disoccupati sono aumentati di 400mila unità. Se questi sono i numeri allarmanti che riguardano un periodo di emergenza durante il quale è stato imposto fino ad agosto il divieto dei licenziamenti collettivi e per giustificato motivo oggettivo, non osiamo immaginare quello che potrebbe succedere a settembre con le aziende che ancora faticano a ripartire, con esercizi commerciali che stanno facendo i conti con una crisi epocale. Una vera e propria catastrofe che dimostra l’urgenza di un intervento sulle politiche del lavoro. Il governo inizi ad eliminare subito uno strumento diabolico come il reddito di cittadinanza e impieghi le risorse per sostenere le piccole e medie imprese, aiutandole a ripartire e incentivandole alle nuove assunzioni. Il rischio che l’emergenza sociale esploda è ormai concreto e l’esecutivo non può tergiversare. O si interviene subito o la crisi sarà irreversibile”. Lo dichiara Maria Rizzotti, vicepresidente dei senatori di Forza Italia.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

“Nella linea, essere comunità”: al MANN una mostra fotografica per

Sostiene Matteo Renzi che Italia Viva non ha mai cambiato

Domenica 6 settembre, prima domenica del mese Ingresso gratuito al

Il deputato di Azione, Nunzio Angiola, ha depositato un’interrogazione scritta

dove scoprire i migliori documentari sui protagonisti della cultura italiana.

RECORD DI ADESIONI ED ENTUSIASMO ALLE STELLE L’aver ripreso l’attività

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.