Lavoro, Ronzulli (FI): “Superare storture reddito e investire in politiche attive”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
ronzulli

Il reddito di cittadinanza va rivisto e bisogna rimodularlo per correggerne le evidenti storture

Questo sia per quanto riguarda la vasta platea di furbetti che lo percepiscono senza averne diritto che la necessità che questo sussidio non diventi un assegno di Stato perpetuo che si ottiene semplicemente restando a casa. Parte delle risorse destinate a questa misura devono quindi essere investite in politiche attive del lavoro, perché da che mondo è mondo è il lavoro a produrre il reddito, non l’assistenzialismo sfrenato.

Soprattutto dopo la pandemia, è necessario rilanciare i livelli occupazionali per recuperare il terreno perduto, vanno creati nuovi posti e nel farlo è necessario puntare su una maggiore flessibilità, su un taglio del costo del lavoro che incentivi le imprese ad assumere e si devono sfruttare al meglio tutte le opportunità offerte dal recovery che rappresenta un’occasione unica.

Lo ha detto Licia Ronzulli, vicepresidente del gruppo Forza Italia al Senato e responsabile del movimento azzurro per i rapporti con gli alleati, a margine dell’assemblea di Assolombarda, presso l’area Falck di Sesto San Giovanni.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

bonino

La senatrice di Più Europa Emma Bonino e la presidente

La mostra, a cura di Lorenzo Rota, Mauro Vincenzo Fontana,

Milano – Il Codacons presenterà un esposto alla Procura di

SCUOLE A RISCHIO, CODACONS: DATI DISASTROSI. SU MANCATI INTERVENTI PRESENTIAMO

Tutte le imprese, dalle industrie fino al commercio passando per

berluscon

Cambiare il partito, Forza Italia, a cominciare dalle modalità di

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.