Manovra, 7 miliardi per finanziare transizione tecnologica nostre imprese

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
4puntozero

Nella manovra di Bilancio che è stata approvata alla Camera abbiamo stanziato ben 7 miliardi di euro a favore delle imprese italiane. Fanno parte del cosiddetto ‘Piano Transizione 4.0’ che viene confermato e appunto rafforzato. Innanzitutto, ampliando la platea dei beneficiari e andando a coinvolgere sempre più le piccole e medie imprese; potenziando l’incentivo per l’acquisto di software e beni strumentali e riducendo il tempo di rientro dell’incentivo; infine, ponendo una maggiore attenzione nei confronti di progetti legati all’innovazione sostenibile e al sostegno del made in Italy. In questo modo accompagniamo le imprese italiane nel percorso di transizione tecnologica, rendendole più competitive e al passo con le concorrenti estere.
“Ma queste non sono le uniche risorse stanziate dal Governo: ad esempio, c’è un ulteriore miliardo disponibile presso il MiSE per progetti di ricerca, sviluppo e innovazione. E con la manovra rifinanziamo progetti come la Nuova Sabatini, per l’acquisto di attrezzature tecnologiche, e il Fondo di garanzia PMI. Inoltre, con la partenza del Fondo Nazionale Innovazione a supporto di startup e pmi innovative del nostro Paese, aiutiamo i giovani talenti italiani a sviluppare le loro idee d’impresa senza dover andar via dall’Italia. Continuiamo a lavorare per far sì che il nostro Paese torni a essere competitivo, ad attrarre idee, investimenti e persone.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

“Il mio avversario non è Zingaretti, è Salvini. Più che

“Con l’accordo di libero scambio con il Vietnam l’Unione Europea

Durante il lockdown si stimano siano stati più di 8

settacchiani

“Ho scritto al ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli, su

“Non sono e non sarò più quello di prima e

feltri

“Vittorio Feltri non è più giornalista, non nel senso giuridico

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.