Melania Trump: “Il Paese ha bisogno di Donald”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
trump

Gli Stati Uniti hanno “più che mai bisogno” di Donald Trump, un “presidente che non smetterà mai di battersi per voi e le vostre famiglie”, che rappresenta “il meglio per il nostro Paese”, che “non ha segreti” e che vuole solo “prosperità” e “successo” per l’America. Parola di Melania Trump, che nel suo discorso alla seconda giornata della convention repubblicana ha detto di “non voler usare questo tempo prezioso per attaccare” i rivali “perché, come abbiamo visto la scorsa settimana, questo tipo di discorso serve solo a dividere ancor di più il Paese”.

Una critica, non troppo velata, alla convention democratica e agli ‘appunti’ a Trump per la gestione dell’emergenza coronavirus, mentre negli Usa si contano più di 5,7 milioni di contagi e oltre 178.000 morti. “So che molte persone sono preoccupate e che alcune si sentono impotenti – ha detto dal giardino delle rose della Casa Bianca, quel Rose Garden che lei stessa ha voluto ‘rifare’ e che a molti non è piaciuto – Voglio che sappiano che non sono sole”.

“”Vedo quanto lavora sodo giorno e notte – ha proseguito nel suo appello al voto per Donald Trump – e non si arrenderà a prescindere dagli attacchi senza precedenti dei media e dell’opposizione””. “La totale onestà è quello che meritiamo come cittadini dal nostro presidente, che vi piaccia o meno, si sa sempre quello che pensa”, ha proseguito, senza dimenticare le vittime della pandemia di coroavirus, chi ha perso i propri cari.

Ad ascoltarla c’era Trump, che l’ha salutata con un bacio sulla guancia al termine del discorso, per poi prenderle la mano e rientrare alla Casa Bianca. Per il Washington Post è stato un discorso “notevole” quello dell’ex modella slovena, che ha mantenuto un profilo basso da quando il tycoon è arrivato alla presidenza e che ora “ha detto cose che nessun altro aveva detto nei primi due giorni di convention repubblicana”, a cominciare dalle sofferenze per la pandemia di coronavirus, dal rifiuto di attaccare i rivali, dal tema dei “disordini razziali”, mentre negli Usa è esploso il caso Jacob Blake, il 29enne afroamericano colpito alla schiena dalla polizia del Wisconsin che ha sparato mentre cercava di entrare in auto, dove c’erano i suoi figli.

“Stop alla violenza, basta atti vandalici in nome della giustizia”, ha detto la first lady. “Come tutti voi, ho riflettuto sui disordini razziali nel nostro Paese – ha affermato – E’ una dura realtà che non siamo orgogliosi di parti della nostra storia”. Poi l’invito ai “cittadini di questo Paese a fermarsi” per “guardare le cose da tutte le prospettive” e l’esortazione a “unirsi in modo civile per poter lavorare e vivere secondo i nostri ideali americani”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

fico

“Salute e sicurezza sul lavoro sono un fronte su cui

bellanova

“La priorità è far ripartire la scuola in sicurezza. Costi

deluca

“Il grande successo, per nulla scontato, ottenuto in Europa dal

salvini

Tutte le agenzie di stampa titolano a caratteri cubitali: Reddito

Pasqua di rassegnazione. ristoratori e gli albergatori non sembrano vedere

celentano

“Un invito alla riflessione verso quel mondo di comandanti e

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.