HomeCOVID-19OBBLIGO VACCINALE PER OVER50, CODACONS: VA CAMBIATO CONSENSO INFORMATO O PRONTI A...

OBBLIGO VACCINALE PER OVER50, CODACONS: VA CAMBIATO CONSENSO INFORMATO O PRONTI A RAFFICA DI RICORSI IN TRIBUNALE

STATO DEVE ASSUMERSI RESPONSABILITA’ PER POSSIBILI DANNI O EFFETTI COLLATERALI DA VACCINO ANTI-COVID PER I SOGGETTI SOTTOPOSTI AD OBBLIGO 

ASSOCIAZIONE INVITA CITTADINI OVER50 A NON FIRMARE CONSENSO O A CANCELLARE CLAUSOLA CHE ESCLUDE RESPONSABILITA’ PER EFFETTI AVVERSI 

 

Dopo l’approvazione dell’obbligo vaccinale per gli over-50, il consenso informato firmato dai cittadini che si sottopongono al vaccino anti-Covid deve essere modificato con urgenza, pena una raffica di ricorsi in Tribunale contro lo Stato Italiano.

A chiederlo il Codacons, a seguito della decisione del Governo di introdurre il vaccino obbligatorio per tutti i cittadini di età superiore ai 50 anni.

“Oggi i moduli sul consenso informato firmati dai soggetti che accettano di sottoporsi a vaccinazione contro il Covid non prevedono responsabilità in capo allo Stato in caso di effetti collaterali, reazioni avverse gravi o danni permanenti – spiega il presidente Carlo Rienzi – Questo perché la vaccinazione era, fino ad oggi, volontaria e lasciata alla libera scelta dei singoli. Con l’introduzione dell’obbligo vaccinale per una categoria di soggetti, gli over50, è evidente che il consenso informato in vigore oggi non è più legittimo, e deve essere modificato eliminando qualsiasi clausola che escluda responsabilità da danni da vaccino”.

“Se il Governo non modificherà con urgenza i moduli che i cittadini over50 dovranno firmare al momento della vaccinazione, nasceranno contenziosi legali e il Codacons si farà promotore di una raffica di ricorsi in tribunale contro lo Stato, per conto di tutti i soggetti coinvolti dal nuovo obbligo che subiranno danni a seguito della vaccinazione – prosegue Rienzi – Nell’attesa delle dovute modifiche, invitiamo gli over50 a non firmare alcun consenso informato, o a cancellare dai moduli qualsiasi clausola che escluda responsabilità dello Stato in caso di effetti avversi o danni da vaccinazione” – conclude Rienzi.

giornalista per un giorno

Articoli popolari