Ostia, 7 condanne al clan Spada per la sparatoria del 2013

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
polizia

Condanna a 8 anni di carcere per Ottavio Spada, accusato di tentato omicidio. E’ la sentenza della prima corte d’Assise di Roma al processo che vedeva imputati 7 esponenti del clan di Ostia e che ha condannato a 3 anni, tra gli altri, Carmine Spada. In totale sono state emesse condanne per oltre 20 anni.

I fatti avvennero nella notte del 16 luglio 2013, durante uno scontro tra esponenti della famiglia Spada e membri del clan rivale dei Triassi di cui fu testimone la giornalista di ‘Repubblica’ Federica Angeli, che sentì due colpi di pistola e si affacciò alla finestra, riconoscendo i due esponenti della famiglia Spada, Carmine e Ottavio. La giornalista, che denunciò quanto visto e scelse di testimoniare al processo, da allora vive sotto scorta.

“Sono contenta che la mia testimonianza, sulla quale si è basato tutto il processo essendo unica testimone oculare, abbia portato a una condanna di 8 anni, un anno in più di quelli che ho ‘scontato’ io sotto scorta”, ha commentato Angeli dopo la sentenza.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

A PIANEZZA DOMENICA 6 OTTOBRE “VALMESSA GRAFFITI”, PER RISCOPRIRE IL

renzi

“Mohammad Bin Salman? È un mio amico e che sia

“Un successo insperato, un risultato straordinario. Per questo devo ringraziare

“Dopo anni di totale disinteresse per Taranto, il consigliere Amati

Secondo la neo presidente della Bce Christine Lagarde l’idea di

casellati

«Il Senato non chiude, come annunciato ieri. Oggi le Commissioni

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.