HomeattualitàPil, prezzi e mercato del lavoro: "economia in sofferenza"

Pil, prezzi e mercato del lavoro: “economia in sofferenza”

A marzo giù tasso di disoccupazione e su quello di occupazione, ma il confronto annuo rivela che molte persone in più cercano lavoro e molte meno ne hanno uno

Nel primo trimestre Pil in calo dello 0,4% congiunturale e dell’1,4% annuo. Prezzi in aumento ad aprile. Giornata ricca di dati diffusi dall‘Istat e caratterizzati da un comune denominatore: l’influenza della pandemia sui risultati della nostra economia, messa nero su bianco. Quelli relativi al mercato del lavoro nello scorso mese di marzo sono a due facce. Già, perché da una parte si può osservare che continua il leggero aumento dell’occupazione e la lieve discesa dell’occupazione. Ma se si volge lo sguardo alla situazione che c’era nello stesso mese del 2019 si possono agevolmente constatare i danni fatti dall’emergenza sanitaria, iniziata esattamente un anno fa.

Nel dettaglio, dunque, nel marzo scorso il tasso di disoccupazione è sceso al 10,1% a marzo, con un calo di 0,1 punti rispetto al mese precedente. Il calo del numero di persone in cerca di lavoro (-19mila unità da febbraio), riguarda però solo gli uomini e gli over 25, mentre tra le donne (11,4%, +2%) e i giovani di 15-24 anni (33%, +1,1%) c’è un aumento dei disoccupati. Rispetto a marzo dello scorso anno, però, le persone in cerca di lavoro sono ben 652mila in più, pari al 35,4%. Stessa dinamica per l’occupazione, con 34mila occupati in più a marzo rispetto al mese precedente (+0,2%), mentre in confronto al 2020 gli occupati sono 565mila in meno, mentre rispetto al mese precedente l’esplodere della pandemia, febbraio 2020, sono quasi 900 mila in meno. La crescita dell’occupazione coinvolge gli uomini, i dipendenti a termine, gli autonomi e quasi tutte le età. Il tasso di occupazione sale al 56,6% (+0,1 punti), due punti percentuali in meno rispetto al livello pre-Covid.

giornalista per un giorno

Articoli popolari