HomeRegionifriuli venezia giuliaSALUTE. CONFICONI (PD): CADONO PROMESSE DI RICCARDI, RSA DI PN AL PALO

SALUTE. CONFICONI (PD): CADONO PROMESSE DI RICCARDI, RSA DI PN AL PALO

“Una dopo l’altra, stanno cadendo le promesse e le garanzie che l’assessore alla Salute Riccardi aveva dato su una pronta ripresa della Rsa di Pordenone e Sacile. Lo scaricabarile tra Asfo e Arcs sulla prolungata chiusura delle strutture, purtroppo, non cancella i ritardi rispetto ai tempi annunciati solo poche settimane fa dall’assessore rispondendo in Aula a una nostra interrogazione sul destino del servizio. L’assessore dovrebbe delle scuse per l’imbarazzante situazione che sta penalizzando la sanità pordenonese”.

Lo rimarca in una nota il consigliere regionale Nicola Conficoni (Pd), commentando la situazione della Rsa di Pordenone.

“Se il ritardo nella riapertura della Rsa di Sacile è più contenuto, a Pordenone lo slittamento al prossimo gennaio è tanto grave quanto inaccettabile. A maggior ragione – aggiunge l’esponente dem – se Asfo, come sembra dalle parole del direttore dell’Azienda regionale di coordinamento per la salute (Arcs) Tonutti, poteva e potrebbe assumere personale pescando dalle graduatorie”.

“Come mai non lo si è fatto e non lo si sta facendo, nonostante gli operatori siano allo stremo e l’Azienda abbia i conti in attivo? Con un’adeguata programmazione da parte dell’Asfo e della Giunta – continua Conficoni – le chiusure avrebbero potuto essere evitate. Invece, quello che purtroppo continuiamo a registrare è un susseguirsi di tagli che contrastano con la necessità di rafforzare la sanità pordenonese, penalizzata da alcune decisioni assunte dalla Regione di fronte alle quali il primo cittadino del capoluogo continua a rimanere in silenzio”.

“Speriamo che quanto prima si dia seguito alla richiesta di un confronto con il direttore generale dell’Asfo – conclude la nota – per fare il punto della situazione sui numerosi disservizi riscontrato dagli utenti”.

giornalista per un giorno

Articoli popolari