Siamo al grottesco

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
meloni

La Meloni, scandalizzata, accusa con sdegno il governo di metodi di comunicazione “totalitari”. Avete capito bene, sì: Giorgia Meloni, Presidente di Fratelli d’Italia, accusa qualcuno di metodi “totalitari”. E perché? Perché secondo lei la diretta di Giuseppe Conte non doveva essere trasmessa sui social la sera, dato che c’è tv e stampa. “Ma che metodi sono? Chiediamo chiarezza e serietà”, si domanda e dice.

Peccato che la Meloni non abbia acceso la tv. Avrebbe visto che il discorso di Conte era in tv. E che i social sono stati solo un supporto. Ma comunque ci fa piacere sapere che la Meloni consideri evidentemente poco istituzionale l’uso dei social. Che chieda serietà, istituzionalità. Le diamo allora un suggerimento: si volti al suo fianco: troverà un alleato e un capo della coalizione (la sua) così serio e istituzionale da aver fatto conferenze stampa, da ministro, in una discoteca al mare. Troverà un individuo che le giornate le passa sui social come fosse un influencer e non un senatore.

Lo guardi, ci pensi.

E poi, se ha coraggio, torni a parlarci della serietà, la chiarezza e l’istituzionalità di Conte.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

La Corrida è una crudele forma di “intrattenimento” che non

FESTIVAL DELL’INNOVAZIONE SCOLASTICA. DONAZZAN: “ANCHE IN MEZZO ALLA PANDEMIA LA

“Governi assicurino risorse e tempi certi per fare ripartire il

12 luglio 2016 – 12 luglio 2021. Sono trascorsi 5

Il Covid-19 è un ciclone che da tre mesi è

soldi

BANCHE, UBI-INTESA: GLI AZIONISTI DI INTESA CHIEDONO TRAMITE CODACONS CHIAREZZA

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.