Sociale: Riccardi approfondire temi impresa sociale e Terzo settore

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
thumb500_76089_v.p. Riccardi presentazione happycamp Ancarano

Udine – Si terrà il prossimo 11 marzo dalle 14 alle 18.30 il webinar dedicato a ‘Impresa sociale e Terzo settore: prospettive e piani operativi’, organizzato dall’Amministrazione regionale in collaborazione con l’Università degli Studi di Trieste.

L’evento è inserito nell’ambito del più ampio progetto convenzionato con il Centro servizi volontariato Friuli Venezia Giulia (Csv) volto ad approfondire le tematiche riguardanti la riforma del Terzo settore e, in particolare, le prospettive e gli ambiti operativi degli enti non profit che si qualificano come impresa Sociale.

Il d.lgs. 112/2017 revisiona la disciplina dell’impresa sociale, la quale rientra fra le qualificazioni giuridiche che gli enti del Terzo settore possono assumere e rispetto a cui è necessario un coordinamento con il registro unico nazionale del Terzo settore (Runts), di prossima operatività.

L’incontro telematico, che sarà aperto dal vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega a Cooperazione sociale e Terzo settore, Riccardo Riccardi, rappresenta anche l’occasione per fornire contributi tecnico-operativi da parte di soggetti pubblici e privati che gestiscono casi pratici nell’ambito delle loro esperienze professionali e lavorative.

“Il ciclo di webinar nel quale si inserisce l’evento – ha commentato Riccardi – ha l’intento di creare un valore aggiunto facendo conoscere le opportunità di modelli organizzativi di impresa sociale disponibili con l’attuale assetto normativo in modo da attuare concrete ed utili ricadute sul territorio regionale. L’Amministrazione regionale vuole offrire, grazie all’apporto di relatori concretamente coinvolti nell’attuazione della riforma del Terzo settore, gli approfondimenti dal punto di vista giuridico sui vantaggi e le opportunità ma anche sui limiti relativi all’assunzione della qualifica di Impresa sociale”.

Fra i relatori Michele D’Agnolo, dottore commercialista – association of Chartered certified accountants (Acca) che tratterà gli adeguati assetti organizzativi dell’impresa sociale, Gabriele Sepio, membro del Consiglio nazionale del Terzo settore e del Comitato di gestione della Fondazione Italia Sociale che tratterà la riforma del Terzo settore e le opportunità e i vantaggi dell’impresa sociale mentre Michele Bossi della Camera di Commercio Venezia Giulia relazionerà sullo stato dell’arte in regione del Registro delle imprese, sezione speciale impresa sociale. Lara Barbazza, dell’Agenzia delle entrate, del Friuli Venezia Giulia, approfondirà invece i temi legati al Terzo settore, anagrafe delle onlus e adempimenti fiscali. Marco Palmieri dell’Università degli Studi Ca’ Foscari di Venezia relazionerà in merito all’attività di interesse generale svolta dai tipi di impresa sociale non aventi scopo mutualistico, mentre Dino Fabris, dottore commercialista, approfondirà il tema delle cooperative che assumono la qualifica di impresa sociale: affinità e divergenze rispetto alla cooperativa sociale ex L. 381/1991.

Concluderà i lavori, moderati da Raoul Bubbi, direttore servizio politiche per il Terzo settore della Regione Friuli Venezia Giulia, Andrea Crismani, professore ordinario di diritto amministrativo dell’Università degli Studi di Trieste.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Luigi Di Maio, si aspettava un passo indietro così forte?

«Cronista sono nato e cronista voglio continuare ad essere». E’

pannello

La transizione ecologica permea tutto il Piano di ripresa e

I deputati del Consiglio di Presidenza Cancelleri, Siragusa e Zito:

Roma . – “Sono talmente tante le ragioni che militano

CON I 6 MILIONI DI CONTRIBUTI PUBBLICI ALL’EDITORIA CHE AVRESTI

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.