USA: UNA NUOVA FASE NEI RAPPORTI CON IL NOSTRO PARTNER PRIVILEGIATO. PRIMO DOSSIER VENEZUELA

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
70764833_2844167888950307_8458512037306171392_n

Roma  – “Esprimo profonda soddisfazione per questa prima missione del nostro Ministro degli Esteri Luigi Di Maio che vedrà come destinazione gli Stati Uniti il partner strategico dell’Italia” – inizia così la nota del Senatore Stefano Lucidi .

Una serie di incontri ed iniziative, assemblea generale dell’ONU e vertici internazionali, che coincidono con una fase nuova per il nostro paese, in cui avremo l’occasione per confermare la vocazione atlantista italiana.

“Oggi tutti i quotidiani hanno rilanciato aspettative e prospettive per una più netta collocazione dell’Italia nello scacchiere geopolitico” – commenta il senatore del MoVimento 5 Stelle – “un riposizionamento necessario ma anche politicamente logico”.

In effetti il Governo Conte II ha avuto come input fondamentale il famoso tweet del Presidente Trump che ha sostenuto pubblicamente l’operato e la figura del Presidente del Consiglio Italiano, fatto rilanciato dallo stesso capo politico 5 Stelle all’uscita dalle consultazioni al Quirinale.

“L’Italia ha un primo banco di prova ed è il dossier Venezuela che come riportato da alcuni quotidiani stamattina potrebbe essere vicino alla conclusione” – spiega Lucidi, che aggiunge – “personalmente auspico un cambio di passo del nuovo governo rispetto al passato e un maggiore realismo su tutti i dossier più strategici per la nostra irrinunciabile collocazione atlantista, sul Venezuela ma anche su Iran, Russia e Cina”.

Stefano Lucidi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Il quadro del Mezzogiorno che emerge dagli ultimi dati Svimez

da imolaoggi.it DPCM CONTE, SCANDURRA: “CHIESA DI ROMA, DOVE SEI

MESSINA – Due opere di consolidamento del centro abitato a

Questa mattina parteciperò al tavolo tecnico presso il Ministro della

travaglio

Siccome non si finisce mai di imparare, ci siamo segnati

Lo stabilisce una sentenza della Consulta seconda cui la libertà

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.