Assestamento: Pd, necessario forte investimento su sanità pubblica

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
salute

Trieste – “Gli investimenti previsti nel prossimo assestamento, che si limiteranno a soli 20 milioni, non potranno essere esaustivi per rispondere alle reali esigenze del sistema e dei bisogni dei cittadini. Per questo è necessario fin d’ora chiarire il quadro di risorse per chiudere l’anno dando un segnale forte di investimento nella sanità pubblica”.

Lo affermano in una nota i consiglieri regionali del Pd, Diego Moretti, Roberto Cosolini ed Enzo Marsilio, a margine della seduta della I commissione, riunita per la presentazione dei documenti di bilancio di metà anno e, in particolare, il disegno di legge 141 di assestamento per gli anni 2021-23, illustrati dall’assessore regionale alle Finanze, Barbara Zilli.

“Lo stesso assessore ha confermato che quella all’esame delle commissioni in questi giorni è una manovra ampiamente in divenire. Gli interventi di ristoro del Governo centrale hanno invece coperto anche oltre il necessario le spese per l’emergenza e il mancato gettito dalle compartecipazioni. È bene, dunque, che nelle commissioni gli assessori, ognuno per la propria parte di competenza, illustrino tempestivamente quali saranno gli ulteriori provvedimento, risparmiandoci, per una volta, sorprese dell’ultimo minuto senza alcuna condivisione” sottolinea Cosolini.

“Quello presentato oggi è un assestamento ricco che smentisce la drammaticità narrata da Fedriga lo scorso anno”, commenta Moretti. Rimane aperto tutto il capitolo concertazione con i Comuni nel quale saremo curiosi di vedere quali saranno i risultati finali” continua Moretti, sottolineando inoltre “l’inversione a u fatta dal centrodestra sull’Erpac che, da baraccone ed ente inutile definito due anni fa, ora gestirà l’intera partita del 2025 di Nova Gorica-Gorizia, capitale europea della cultura”.

Infine, Marsilio, sottolinea che “a fronte di risorse a disposizione la Giunta non riesce a programmare gli investimenti necessari alla manutenzione e al miglioramento del territorio montano, restando fermi alle promesse elettorali”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

È stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea la gara

Sostiene l’antico proverbio che “chi va zoppo impara a zoppicare”.

Precisazioni della struttura di viale Italia. Dall’inizio della pandemia agli

bonafede

Per evitare che si faccia (volutamente) confusione tra le competenze

orchestra

PORDENONE- Un teatro aperto tutto l’anno è la caratteristica che

sgarbi

Quel che è successo a Bibbiano è qualcosa di paragonabile,

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.