HomeRegionipiemonteASSISTENZA TECNICA AI COMUNI: UN FIORE ALL’OCCHIELLO DELLA CITTÀ METROPOLITANA

ASSISTENZA TECNICA AI COMUNI: UN FIORE ALL’OCCHIELLO DELLA CITTÀ METROPOLITANA

Scuole materne, elementari e medie più moderne e sicure, rotatorie e piste ciclabili che risolvono annosi problemi della circolazione in ambito locale, attraversamenti pedonali che riducono l’incidentalità sulle strade provinciali e comunali, varianti che liberano i centri storici di paesi e città dalla morsa del traffico, sistemazioni idrauliche dei corsi d’acqua che prevengono disastrose inondazioni, edifici storici rurali o urbani che trovano una nuova funzione diventando accoglienti sedi per le associazioni che ravvivano il tessuto sociale locale

Non sono progetti e opere che calano dal cielo su comunità locali che, da sole, non avrebbero la forza amministrativa e tecnica per progettarle e per seguire i lavori. Sono semplicemente impegni che, dando continuità ad una buona prassi dell’allora Provincia, la Città Metropolitana di Torino porta avanti, svolgendo funzioni di assistenza tecnico-amministrativa alle amministrazioni locali e mettendo gratuitamente a disposizione dei Comuni e delle loro Unioni le risorse umane e strumentali della Direzione Azioni Integrate con gli Enti Locali per l’attività di progettazionegestione e direzione di lavori pubblici e consulenza.

L’assistenza tecnica ai Comuni è prevista dalla Legge Delrio del 2016, è uno dei capisaldi dello Statuto della Città Metropolitana di Torino e trova la sua origine e la sua prima sanzione politica negli indirizzi che nel 2005 il Consiglio Provinciale dettò alla Giunta, approvando il modello di un’intesa-tipo, da stipulare con i Comuni e le Unioni di Comuni che richiedevano l’assistenza tecnica.

Su richiesta e per conto delle amministrazioni locali, la Direzione Azioni Integrate con gli Enti Locali provvede alla progettazione e/o all’esecuzione di opere pubbliche, sia direttamente, sia fornendo consulenza e assistenza tecnica ai vari livelli di progettazione. I tecnici della Direzione redigono relazioni geologiche e geotecniche a supporto della progettazione di opere pubbliche, assistono gli Enti locali in materia di difesa del suolo, di idraulica e predisposizione di pareri geologici su strumenti urbanistici e progetti, anche privati, la cui autorizzazione è di competenza comunale, forniscono consulenza e pareri in materia di normativa tecnica e di gestione di procedure informatiche relativamente alle opere pubbliche.

Tanto per fare qualche esempio, l’elenco comprende la progettazione preliminare del nuovo polo educativo del Comune di Caprie, con una spesa prevista di oltre 5 milioni di euro, la progettazione della nuova scuola primaria di Sant’Ambrogio di Torino, che prevede una spesa di 4 milioni e 400.00 euro, gli interventi nell’ambito del progetto Corona Verde a Nichelino per la sistemazione naturalistica spondale e la fruizione ciclopedonale del Sangone, il progetto preliminare della ricostruzione del ponte in località Bertenga a Torre Pellice, la sistemazione di un’area verde pubblica a Tetti Neirotti di Rivoli e la progettazione di collegamenti ciclo-pedonali, la riqualificazione della piazza Risorgimento di Lauriano, l’edificio che a Monteu da Po dovrebbe ospitare il Municipio, le scuole e la biblioteca, le paline del car pooling in Valle di Susa. Ma, come detto, questi sono solo alcuni esempi, di quanto progettato e in parte già realizzato negli anni scorsi sotto la supervisione dei tecnici della Città metropolitana.

Anche in questo caso si tratta di lavori di modesta o media entità, come rotatorie, marciapiedi, piste ciclabili e attraversamenti pedonali, ma anche di lavori che potranno cambiare la qualità della vita nei territori, come il secondo lotto della sistemazione del ponte della Bertenga a Torre Pellice, la progettazione della ristrutturazione e le ipotesi di riutilizzo delle caserme Rocciamelone ad Usseglio.

giornalista per un giorno

Articoli popolari