HomeattualitàBonomi contro Landini: "Gli italiani tutto chiedono tranne che andare in piazza"

Bonomi contro Landini: “Gli italiani tutto chiedono tranne che andare in piazza”

Gli italiani tutto chiedono tranne che andare in piazza

Il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, commenta così le parole del segretario della Cgil, Maurizio Landini, in una intervista a La Stampa sulla possibilità di arrivare allo sciopero. Dal Forum della Piccola Industria di Confindustria ad Alba, Bonomi dice: “Gli italiani chiedono di stare uniti, di trovare le soluzioni ai problemi, di creare più occupazione, di dare più reddito, di pensare ai giovani e alle donne che hanno una partecipazione molto bassa del mondo del lavoro. Non di andare in piazza. Non è questa la strada giusta”.

La manovra del governo va “cambiata e migliorata”. Senza risposte, i sindacati sono pronti alla mobilitazione generale, ha detto il segretario della Cgil alla Stampa: “Cercare solo la mediazione, per tenere insieme un quadro politico complicato, porta a rinviare le questioni e non prendere decisioni che servono al Paese”.

Al premier Mario Draghi, Landini contesta il metodo: “Non puoi convocare i sindacati due giorni prima del Cdm per dire cosa hai deciso, senza dare spazi di discussione”.

Cgil, Cisl e Uil hanno deciso “di avviare un percorso di mobilitazione”, spiega. “Mi auguro che non sia necessario arrivare a uno sciopero generale, sono il primo a sapere che bisogna cercare soluzioni condivise. Ma quello è uno strumento previsto dalla costituzione”, puntualizza Landini.
Sulle migliorie proposte per la manovra, la Cgil mette al primo posto il fisco. “Gli 8 miliardi previsti per ridurre le tasse”, spiega Landini, vanno usati “tutti per aumentare il netto in busta paga per lavoratori dipendenti e pensionati”.

giornalista per un giorno

Articoli popolari