Ci vogliono anni per costruire un ponte, e solo un attimo per demolirlo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
grillo

E mentre ai Benetton è bastato non manutentarlo, a Grillo è bastato bombardarlo

Era già messo male, alcuni piloni erano caduti, ma non erano portanti. C’era la volontà di ristrutturarlo, un bravo architetto era stato chiamato per rinforzarlo dalla base, renderlo più sicuro e più duraturo, essendo un po’ logoro per il tempo e le continue aggressioni esterne.

Ma al vecchio costruttore è saltato l’embolo e ha preferito buttare qualche bomba a cazzo di cane e demolirlo. Non sono chiari i motivi. Vanno dalla premeditazione criminale alla psicotica volontà distruttiva, fino alla inconsapevolezza per un ego troppo ipertrofico. Fatto sta che quel ponte dei desideri, che stava collegando il Paese sognato a quello reale, pur fra tanti demolitori, è crollato.

La gente si chiede se sarà possibile ricostruirlo, pietra su pietra, utilizzando gli stessi mattoni, o farne uno nuovo, con quel bravo architetto, che conservi però l’idea iniziale che era tanto piaciuta a chi l’attraversava, con le modifiche necessarie per non perdere piloni e non farlo vacillare. Se utilizzare gli stessi mattoni o meno, sta al bombarolo deciderlo.

Che lo faccia in fretta, però. O si ritroverà come i pensionati, con le mani dietro la schiena, che passano le giornate a guardare gli operai al cantiere, mentre si costruisce un nuovo ponte. Io sarò tra quegli operai, perché ho fiducia in quell”architetto e non voglio vedere a pezzi il ponte dei desideri.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Curato dal dipartimento per gli Affari interni e territoriali, direzione

Possono partecipare hobbisti e professionisti BRA – C’è tempo fino

Domani, martedì 3 dicembre, dalle 9.30, sala conferenze dell’ufficio Servizi

gallera

Contro la Lombardia «sta montando un campagna d’odio». Giulio Gallera,

Marini è stato uno dei padri fondatori della Cisl, per

Sì, grazie al “capolavoro” ferragostano del Cazzaro Verde, il M5S

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.