CORONAVIRUS: IL 30% DI PERSONE CON DISABILITÀ A RISCHIO POVERTÀ. LA UE INTERVENGA

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
100564759_943567986069685_5265665042023448576_n

Gli oltre 100 milioni di cittadini europei con disabilità sono tra i gruppi più colpiti dalla pandemia di #Covid19.

L’11 maggio ho presentato alla Commissione Europea un’interrogazione in cui denunciavo i recenti gravi episodi di abbandono di persone disabili lasciate isolate e incustodite in contesti ad alto rischio di contagio, oltre alle discriminazioni subite in tutte Europa nell’accesso a misure protettive e servizi sanitari.

Questa mattina in Commissione Occupazione e Affari sociali ho potuto rivolgere le mie domande direttamente alla Commissaria alle Pari opportunità Helena Dalli.

Le politiche di contenimento della pandemia dei diversi stati membri continuano, in troppi casi, a lasciare le persone con disabilità senza il supporto e le cure necessarie, con misure di confinamento che non prendono in considerazione le loro esigenze specifiche.
Continuerò a battermi finché non verrà data loro la giusta attenzione a livello europeo.

Chiara Maria Gemma
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Il suo nome è Edi, acronimo di Europa Donna Italia,

Scatta la nuova prescrizione. La riforma, contenuta nel ddl Anticorruzione

Parma  – “Gli invisibili hanno un nome” è il progetto,

Al lavoro per protocollo Miur-Antimafia per lavoro e scuola “Una

delrio

“Un forte sostegno alle categorie più in difficoltà e alle

Bene la decisione del Governo di dare il via alla

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.