MEDICI E INFERMIERI A BORDO DI UNA E-BIKE, PER SALVARE TANTE VITE

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
CISOM_Sardegna

DA NORD A SUD, L’IMPEGNO DEL CISOM NON VA IN VACANZA

Partirà ai primi di agosto il nuovo servizio di pronto intervento del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta sul litorale ligure savonese: il personale sanitario sarà presente in sella a biciclette attrezzate per il primo soccorso, per raggiungere in tempi rapidi le persone in difficoltà e assicurare la loro messa in sicurezza, prima dell’arrivo del 112. Si tratta dell’ultima di una lunga serie di iniziative che da anni il CISOM realizza, anche d’estate, in varie località della Penisola, per garantire sicurezza di chi si trova in pericolo. 

Roma – Nei centri storici e sul lungomare tra Celle Ligure e Vado Ligure, fra i tanti turisti italiani e stranieri quest’anno saranno presenti anche i volontari del CISOM – Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta a bordo delle nuove e-bike di pronto intervento. Dai primi di agosto le biciclette a pedalata assistita, guidate da infermieri e medici CISOM esperti in emergenza territoriale e rianimazione in situazioni critiche, saranno operative, equipaggiate con un Dae (Defibrillatore semiautomatico) e uno zaino medico. L’idea di utilizzare le bici nelle strade è nata dall’esigenza di garantire un intervento tempestivo di rianimazione cardiopolmonare, per stabilizzare il paziente sul posto in attesa dell’arrivo dell’ambulanza. “Si tratta di uno strumento agile e veloce per intervenire in zone in cui il passaggio di mezzi su ruota è reso difficoltoso dal grande afflusso di pubblico – spiega Simone Bazurro, Capo Raggruppamento CISOM in Liguria – La e-bike arriva ovunque in tempi brevi, agevola i tempi degli interventi sanitari ed è un mezzo a zero emissioni, dunque anche rispettoso dell’ambiente e dei pittoreschi paesaggi entro cui si muove.” La nuova iniziativa del CISOM nasce con il patrocinio dell’ordine degli Infermieri di Savona e prevede un piano formativo per il personale impiegato, tutti infermieri e medici di aria critica: il corso “Piano on work di inserimento personale di soccorso in e-bike”.

Le e-bike sono un altro tassello dell’impegno del CISOM in Liguria per garantire un’estate sicura, e si aggiungono all’attività in SAR (ricerca e soccorso in mare) già svolta da anni in collaborazione con la Guardia Costiera. I medici CISOM da 6 anni prestano soccorso sanitario nelle operazioni di salvataggio in mare, a bordo degli elicotteri, e determinante è anche la presenza di personale sanitario CISOM – medico, infermiere e/o soccorritore – a bordo delle motovedette, per garantire la continuità nella catena del soccorso dal momento dell’emergenza in mare alla presa in carico del paziente a terra da parte del 112.

Le e-bike di pronto soccorso sul litorale ligure sono solo l’ultima e più recente delle iniziative del CISOM per garantire sicurezza e rapida accessibilità alle cure a quanti, nel periodo estivo, frequentano le località turistiche. – spiega Gerardo Solaro Del Borgo, Presidente del CISOM – In tutta la Penisola, per tutto l’anno, i Gruppi dei volontari CISOM sono in prima linea al fianco dei più vulnerabili per garantire loro assistenza, cure, beni di sussistenza, conforto e calore umano, ma anche per portare soccorso in caso di calamità e garantire il salvataggio a chi rischia la vita in mare. È un impegno verso la vita che affonda le sue radici in quasi 1000 anni di valori dell’Ordine di Malta, e che i volontari CISOM onorano tutti giorni, da Nord a Sud, anche d’estate, quando la sicurezza e la salute non possono certo andare in vacanza.”

Ed anche quest’anno si rinnoverà l’impegno del CISOM sull’isola dell’Asinara, nel piccolo borgo di Cala d’Oliva, dove volontari, medici infermieri e soccorritori del CISOM sono presenti ormai da dieci anni, pronti a offrire un servizio di primo soccorso ai numerosi turisti che visitano l’isola in estate. La sede operativa è una vera e propria infermeria e il personale medico e paramedico è in grado di spostarsi in tutta l’isola grazie ai mezzi di soccorso del CISOM disponibili notte e giorno h24. Ogni estate infatti sono oltre un centinaio i pazienti che usufruiscono dei servizi del CISOM, tra i quali talvolta anche dei “codici rossi” con conseguente evacuazione medica, la cosiddetta MEDEVAC.

CISOM – Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta – è una Fondazione senza scopo di lucro, con finalità di protezione civile, sociale, sanitario assistenziale, umanitario e di cooperazione, strumentale al Sovrano Ordine di Malta. Fedeli al motto “Seduli in accurrendo, alacres in succurrendo” e ai valori del millenario Ordine di Malta, da oltre 50 anni medici, infermieri, psicologi, logisti e gli oltre 4000 volontari del CISOM presenti in ogni regione italiana portano soccorso, aiuti e conforto in occasione di calamità naturali nazionali e internazionali, durante importanti eventi con forte impatto sulla sicurezza pubblica, nelle strade e tra le persone più sole e bisognose; il CISOM è impegnato anche nelle attività di assistenza sanitaria ai migranti in difficoltà nel Canale di Sicilia e a Lampedusa.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

USB: per batterla abolire l’Iva sui beni di prima necessità,

NONOSTANTE PREZZI FERMI, SPESA COMPLESSIVA PER LE FESTIVITA’ RISCHIA CALO

Venezia, Moretto (Iv): “Il Governo sostenga la ricerca scientifica per

L’abbiamo sempre detto ed ecco un’altra importante risposta del governo

La Regione, su proposta dell’assessora regionale alla formazione e al

Le tratte regionali ridotte all’80%. Gel disinfettante negato sui vagoni

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.