Homecultura e spettacolo«MEGLIO DAL VIVO CHE DAL MORTO», IL LIBRO DI PAOLO ROSSI

«MEGLIO DAL VIVO CHE DAL MORTO», IL LIBRO DI PAOLO ROSSI

PRESENTA IL SUOL ULTIMO LIBRO 

«MEGLIO DAL VIVO CHE DAL MORTO»

(ed. Solferino)

 Trieste, sabato 6 novembre, ore 11.00

Antico Caffè San Marco 

Dialoga con l’autore lo scrittore Pino Roveredo

TRIESTE- Dal ricordo tragicomico delle serate alle Feste dell’Unità al dialogo in sogno con Berlinguer, dalla paternità spiegata a san Giuseppe alla difficoltà di ritrovarsi proprietario di un cane lupo antidroga fin agli incidenti di scena recitando Beckett con Gaber e Jannacci: ogni capitolo del nuovo libro di Paolo Rossi – artista iconico e irriverente, affabulatore e Maestro dell’happening – “Meglio dal vivo che dal morto“, edito da Solferino, mescola l’alto e il basso, il cabaret del Derby e il Riccardo III, per un viaggio mozzafiato che ha il tono della commedia dell’arte e la velocità delle montagne russe.

Paolo Rossi presenta il suo libro per la prima volta a Trieste in un incontro pubblico in programma sabato 6 novembre alle 11.00 all’Antico Caffè San Marco e lo fa in compagnia di un grande amico triestino, lo scrittore Pino Roveredo.

La biografia-confessione di Rossi è in stile monologo ed è intriso dei suoi tempi comici, del suo stile inconfondibile. Questa irresistibile «versione di Paolo» – pensata come un dialogo immaginario con il Bardo William Shakespeare – è una storia rigorosamente apocrifa e anarchica, disseminata di occasioni e tentazioni, botte date e prese, donne amate e lasciate, poco venerati maestri e pessime compagnie di giro. «Per mettere ordine nella mia vita ci vorrebbe un governo tecnico», conclude l’autore, tra sorriso e nostalgia.

giornalista per un giorno

Articoli popolari