Minacce da Graviano, Giletti: “Nessuno mi ha allertato, è grave”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
giletti

Massimo Giletti, conduttore di Non è l’Arena, è stato intervistato dal Corriere della Sera a proposito delle notizie sulle parole minacciose su di lui, dopo le sue inchieste tv (vedi tweet del 27 Aprile qui sotto) che hanno riguardato anche la scarcerazione di 300 boss mafiosi a causa del Covid-19: “È grave apprendere informazioni così delicate da un giornale piuttosto che dallo Stato e dalle istituzioni competenti. Pretenderei una maggiore attenzione da parte di chi ha sulla sua scrivania questo tipo di informazioni. Sono venuto a conoscenza di quel dialogo – dice riferendosi alle parole di Graviano – leggendo Repubblica, lo ritengo grave. Quelli degli agenti del Gom sono ascolti che risalgono a maggio, ora siamo a luglio: non mi pare proprio normale che io non ne abbia saputo nulla. In questa storia quello che pesa è per l’ennesima volta il silenzio delle istituzioni competenti”. Giletti spiega di aver preso atto della telefonata di solidarietà ricevuta dal ministro Bonafede: “Sono contento che lo abbia fatto, ma ribadisco che forse avrei dovuto sapere prima delle minacce del boss Graviano nei miei confronti”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Si è deciso di comprarne un po’ per i paesi

A pochi giorni dalla decapitazione a Parigi di un professore

europa

L’assetto pro-Europa del Parlamento in via di insediamento non appare

La storia della Calabria è quella di una Regione che

“Giorgia Meloni è uno dei parlamentari più assenteisti in questa

trump

Venerdì 16 aprile è stato lanciato Donald Trump Is My

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.