Non c’è pace. Non dicano frottole

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
119642118_3321146777962691_532163073586196499_n

La pace si fa se c’è il rispetto delle risoluzioni delle Nazioni Unite.
Questo è solo un accordo sugli affari, con l’Arabia Saudita fuori la porta ad aspettare il suo turno.
L’accordo tra Israele, Barhein ed Emirati Arabi è la pietra tombale su qualsiasi processo di pace in Medio Oriente.
Non c’è stato palestinese in vista.
Non c’è diritto al ritorno per i profughi.
Non c’è la fine della colonizzazione della Cisgiordania.
Un accordo che serve solo a Trump per la sua campagna presidenziale.
E a Netanyahu che regge una maggioranza parlamentare alla Knesset provvisoria.
Il problema si chiama Europa.
Il problema si chiama Italia.
Dormono o fanno finta di dormire.
Una delle più grandi vergogne di questo tempo è l’umiliazione del popolo palestinese.

Arturo Scotto
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

bassetti

L’infettivologo: “Compresi gli adolescenti e i ragazzi over 12” Contro

Catanzaro Centro Storico 2019”: affrontare la problematica del declino mentale

berlusconi

L’intervista di ieri al Giornale segna il ritorno sulla scena

L’arma dei Carabinieri nasce il 13 luglio del 1814.Un secolo

Nel 1989 l’Europa si era illusa di abbattere per sempre

Un aumento di stipendi sostanziale che accresce i compensi di

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.