Homeattualità#Unaitalia: carni bianche, in primi 3 mesi anno acquisti +1%

#Unaitalia: carni bianche, in primi 3 mesi anno acquisti +1%

Anche nell’anno del Covid si conferma la forte affezione degli italiani alle carni bianche

Con il 35% delle quote di mercato a volume, le carni avicole anche nel 2020 sono state le più acquistate dagli italiani, seguite dalle carni bovine (33%) e dalle suine (21%). Crescono anche gli acquisti domestici (+10% a valore e +7,7% a volume sul 2019) e i consumi pro-capite arrivati a 21,5 kg (+1,93%). Sono i dati resi noti nel corso dell’assemblea di Unaitalia a Roma.

Il trend della spesa in aumento è confermato anche nel primo trimestre 2021: +1% sullo stesso periodo dell’anno precedente (dati Ismea). Merito della parziale conversione dei consumi fuori casa in consumi domestici, combinata al valore aggiunto dei prodotti. L’avicolo è infatti il settore zootecnico che più di tutti ha sviluppato la linea degli elaborati e dei confezionati, riuscendo nel 2020 quanto nel 2021 a dar maggior durabilità e flessibilità a una buona parte della produzione.

Secondo i dati diffusi oggi dal presidente di Unaitalia Antonio Forlini, riconfermato oggi alla guida dell’associazione, nel 2020 crescono sia il fatturato (+3,82%), che si attesta a 5,7 miliardi di euro (4,56 mld per le carni e 1,15 miliardi per le uova per la sola parte agricola), che la produzione di carni bianche (pari a 1.389.900 tonnellate +1,8 % sul 2019) e di uova (12,3 miliardi, + 0,7%).

A registrare il trend migliore sono soprattutto il tacchino (+4%, 313mila tonnellate) e il pollo (+1,68%), che rappresentano il 74% della produzione di carni bianche.

Articoli popolari

Banner 300 x 600