Coronavirus, Covid-19 diventa una truffa virus informatica

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
internet

Da patogeno che colpisce la salute dei cittadini a virus informatico: il Covid-19 è ormai anche questo. Si sta diffondendo infatti una mail che ha per oggetto ‘Coronavirus: informazioni importanti su precauzioni’, che in realtà non dice nulla di utile per fronteggiare il possibile contagio, ma mira a ottenere i dati dei destinatari. “Si tratta di un tentativo di phishing, di truffa informatica basata sull’ingegneria sociale”, specifica sul suo sito FIRSTonline.

“La comunicazione è curata – si legge sulla rivista on line – non fatta attraverso una traduzione automatica, come capita spesso in questi casi. Il messaggio è firmato da tale Dr. Penelope Marchetti (Organizzazione Mondiale della Sanità). Questi accorgimenti rendono l’inganno di non immediata individuazione. Per fortuna, è sufficiente una rapida ricerca su Google per avere la certezza che non esista alcun professionista del settore medico-sanitario con quel nome presso l’O.M.S.”.
Prossimo video: Usa, Trump visita laboratori anti-virus

Come raccomanda l’Onu ai cittadini in materia di sicurezza informatica, si dovrebbe sempre controllare bene l’indirizzo del mittente, così come cercare di capire se il dominio ci sembra corretto, oltre a verificare date e orario di invio. Nel caso dell’Oms – dice ancora FIRSTonline- il dominio specifico è “@who.int”, sottolineando che “una procedura che richieda l’inserimento di informazioni riservate o comunque dati personali sensibili via email è quantomeno sospetta. I criminali informatici utilizzano le emer

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Udine  – “Gli open data sono il petrolio del nuovo

A seguito del deludente risultato in New Hampshire il senatore

pregliasco

“Abbiamo timidi segnali, che evidenziano l’importanza di insistere con le

«In materia ambientale il Piemonte è una Regione virtuosa»: lo

Siamo soddisfatti della risposta della ministra del Lavoro Catalfo alla

“Dobbiamo purtroppo registrare l’ennesima aggressione nei confronti di operatori del

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.