HomeattualitàL'inderogabile necessità della riforma della giustizia

L’inderogabile necessità della riforma della giustizia

L’unione Europea ha risposto alla crisi pandemica con il Next Generation EU.

Si tratta di un programma di portata e ambizione inedite,che prevede investimenti e riforma per accelerare la transizione ecologica e digitale,migliorare la formazione delle lavoratrici e dei lavoratori e conseguire una maggiore equità di genere, territoriale e generazionale.

L’Italia è la prima beneficiaria per quasi 200 miliardi di euro di cui 68,9 a fondo perduto da impiegare nel periodo 2021-2026.

IL PIANO ITALIANO COMPRENDE UN AMBIZIOSO PROGETTO DI RIFORME. IL GOVERNO intende attuare quattro importanti riforme di contesto:pubblica amministrazione, giustizia, semplificazione della legislazione e promozione della concorrenza.

In particolare la riforma della giustizia ha l’obiettivo di affrontare i nodi strutturali del processo civile e penale e rivedere l’organizzazione degli uffici giudiziari.

Le riforma Cartabia si inserisce nella più complessa riforma del sitema giudiziario, dalla prescrizione all’appello,dalle indagini preliminari, alle misure alternative. Numerosi sono i punti toccati dalla riforma del processo penale elaborata dalla ministra Cartabia con gli emendamenti approvati in CDM che il Governo ha presentato al ddl Bonafede già da tempo al vaglio del parlamento.

Senza queste riforme (per le quali occorrono grossi investimenti) l’EU interverrà impedendo le erogazioni degli investimenti.E quindi VENIAMO AL PUNTO DOLENTE.

Questa classe politica sarà in grado di venire incontro alle aspettative del Paese?

I prodromi ci dicono di no!Il pacchetto Cartabia per la giustizia è stato inondato di emendamenti da parte dei 5 stelle e difficilmente verrà approvato entro il 3 agosto senza la fiducia.Consideriamo che la riforma della Ministra Cartabia è una ” riformina”perchè non si parla di separazione delle carriere ,della responsabilità del magistrato,della parità accusa difesa, della riforma delle carceri. Probabilmente si cercherà di risolvere tutto con un’amnistia o un indulto.Abbiamo tempi sempre più ristretti per l’approvazione non solo di questa ma anche delle altre riforme che finanziate dell’EU permetterebbero al nostro Paese un salto di qualità soprattutto nei confronti delle donne, delle nuove generazioni e del Sud a cui andrebbero il 40%delle risorse totali. Noi di Unione Cattolica auspichiamo che la classe politica raccolga le grida che vengono dal Paese .Abbiamo troppe riforme da realizzare ma ne basterebbero alcune per far capire che la direzione che sta prendendo l’Italia non è quello della decrescita felice ma di un Paese che ,raggiunto quasi il fondo, riesce a svoltare per le nuove generazioni che altrimenti dovremmo considerare generazioni perdute!

Erminio BRAMBILLA pres. UNIONE CATTOLICA

Articoli popolari

Banner 300 x 600