RENZI INDAGATO

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
renzi

Vorrei subito chiarire che essere indagato non vuol dire essere colpevoli

Dunque attenderemo con pazienza il prosieguo delle indagini della Procura di Roma che ieri ha iscritto nel registro delle notizie di reato Matteo Renzi per finanziamento illecito. Secondo gli inquirenti, tra l’agente delle star Lucio Presta e il leader di Iv sarebbero stati stipulati rapporti contrattuali fittizi per l’ideazione e i diritti di programmi televisivi mai realizzati, a fronte dei quali sarebbero stati versati a Renzi 700 mila euro. Porca miseria!!

Le semplici idee, anche non realizzate, solo se “firmate Renzi” valgono oro!!! Peccato che non abbia esposto idee brillanti in Arabia Saudita dove è andato a plaudire il “Rinascimento Saudita” mentre era in corso un processo a delle giovani donne che avevano osato chiedere di poter guidare la macchina. Già, perché in quel paese le donne non possono guidare!!

Alla faccia del Rinascimento Saudita tanto decantato da Renzi. E non ha detto nulla quando si è saputo che quelle due donne sono state punite con 3 anni di galera e 4 anni di silenzio forzato!! Mi chiedo se il silenzio sarà ottenuto con la cucitura delle labbra… Ad ogni modo, viene anche da pensare “di nuovo?”.

Si, perché Renzi è già indagato a Firenze per finanziamento illecito nell’ambito dell’inchiesta sulla Fondazione Open. Anche stavolta i magistrati sospettano che dietro quelle somme di denaro si celino finanziamenti illeciti alla politica…

Mauro Coltorti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Queste le parole di Papa Francesco nell’Enciclica “Fratelli tutti”, firmata

La consegna di pacchi dono ai poveri di Milano da

Una applicazione digitale per la vaccinazione anti-covid, che metta in

Ho assistito nei giorni scorsi a Monfalcone, in provincia di

Ho letto l’intervista del vice presidente di Confindustria Maurizio Stirpe

Grido d’allarme di lavoratrici e lavoratori nell’assemblea con Cgil, Cisl

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.