L’INTESA TRA RENZI E SALVINI PASSA DAL DDL ZAN PER ARRIVARE AL QUIRINALE

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
renzi salvini

La sintonia che i due Matteo hanno trovato sul ddl Zan potrebbe essere solo la prova generale per l’intesa tra Italia Viva e centrodestra sull’elezione del Presidente della Repubblica

Le ultime sortite di Renzi, che non si preoccupa nemmeno di celare la sua vergognosa strategia, lasciano ben capire a che gioco il leader di Rignano sia giocando. Tra parentesi leader di un partito del 2% che però in Parlamento occupa 45 scranni, caselle che pesano e che Renzi saprà ben sfruttare fino alla fine della Legislatura, ben sapendo che al prossimo giro forse non entrerà nemmeno in Parlamento.

Con quale obiettivo? Spaccare il centrosinistra e distruggere il Movimento 5 Stelle. Sul ddl Zan Italia Viva ha presentato emendamenti simili alle modifiche volute dalla Lega sui tre articoli incriminati (l’1, il 4 e il 7) per affossare definitivamente il testo che è già frutto di un’ampia condivisione e mediazione e che deve andare in Aula così com’è. Renzi in questo modo usa le sue truppe come un cavallo di Troia per rompere il fronte giallorosso.

Ma l’aspetto più inquietante è rappresentato dalle parole che il Bomba ha detto ieri in un’intervista a Repubblica, quando ha dichiarato apertamente che il centrodestra avrà il 45% dei grandi elettori per eleggere il Capo dello Stato e che dunque ha tutto il diritto di sedersi al tavolo. Infatti attualmente Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia e Coraggio Italia (inclusi i sette senatori di Cambiamo! Di Toti e Brugnaro) ha 440 voti cui vanno aggiunti i 38 dei delegati regionali. Contro i 404 seggi della nostra coalizione (M5S, Pd e Leu).

A fare la differenza sarebbero i 45 parlamentari di Italia Viva che, uniti al centrodestra, consentirebbero di eleggere il nuovo Presidente dal quarto scrutinio quando non è più necessaria la maggioranza qualificata, ma è sufficiente quella assoluta. Insomma verrebbe da chiedersi come mai Renzi ancora non si decide a entrare nella costituenda federazione del centrodestra.

La risposta è semplice: demolition man sta dove riesce a fare più danni, e sicuramente ora gli conviene ancora restare nel centrosinistra. Almeno fino a quando il suo scopo di disgregazione totale della coalizione non sarà compiuto. Alla faccia della sinistra!!!

Mauro Coltorti 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Vincenzo De Luca, governatore della Campania, ha emesso una nuova

Pescara – “Il consigliere Pettinari anziché difendere i cittadini abruzzesi

LA CORRITREVISO DIVENTA VIRTUALE CON IL DEBUTTO MONDIALE DI RUNBULL In

”Il governo deve destinare più attenzioni e risorse certe alla

Si è svolto in Piazza del Popolo a Roma l’evento

Per anni, nelle piazze, abbiamo denunciato legittimamente e pacificamente ciò

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.