Carabinieri restituiscono all’ambasciatore di Francia in Italia antichi tomi rubati a Provins nel 1987

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
consegna_tomi_francia2

La consegna è avvenuta in occasione delle cerimonie del 14 luglio 2021 tenute a Palazzo Farnese a Roma

ROMA – In occasione delle cerimonie del 14 luglio 2021 tenute a Palazzo Farnese a Roma, il Generale di Brigata Roberto Riccardi, Comandante dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, ha restituito a Christian Masset, ambasciatore di Francia in Italia, un atlante composto da 69 tavole e 4 tomi dal titolo ‘Voyage de la Peròuse autour
du monde’ (1741-1788), rubati il primo dicembre 1987 dalla biblioteca municipale di Provins, in Francia. L’indagine che ha consentito il recupero dei libri è stata condotta dai Carabinieri del Nucleo Tpc di Genova, coordinati dalla Procura della Repubblica di Milano, e ha avuto origine nel dicembre 2018 a seguito della segnalazione  dell’Ufficio Esportazione della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la Città metropolitana di Genova e le Province di Imperia, La Spezia e Savona, a cui i preziosi manufatti erano stati presentati per il rilascio dell’attestato di libera circolazione.

La consultazione da parte dei militari della ‘Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti’ gestita dal Comando Tpc, in cui sono inserite le immagini e le informazioni sulle opere d’arte rubate, ha permesso di riscontrare che i beni librari segnalati erano quelli trafugati 34 anni fa dalla biblioteca di Provins. I Carabinieri, dopo aver appurato che la domanda per il rilascio dell’attestato di libera circolazione era stata avanzata da una società con sede a Ventimiglia, per conto di una donna incensurata della provincia di Milano, hanno proceduto al sequestro dell’atlante e dei quattro volumi. I libri sono stati riconosciuti dal Conservatore Capo del patrimonio di Provins Luc Duchamp e l’expertise è stato eseguito dai funzionari della Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Liguria, che hanno rilevato la presenza di abrasioni e cancellature, verosimilmente
eseguite dai ladri.

Christian Flammia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Una battaglia procedurale durissima. Una lotta sul filo del regolamento.

Roma – “Per la scuola 1,5 miliardi non bastano. Ne

Nuovi autobus nelle periferie di Roma. Continua l’inserimento di mezzi

La Polizia Municipale comunica il bilancio dei controlli effettuati nel

condominio

Con una recente pronuncia – sentenza n. 3847 del 15.2.2021

Derivazioni idroelettriche SCANDELLA E PIZZUL (PD): “URGE LA LEGGE REGIONALE,

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.